My name is Silvia, i'm 23 years old. I live in Rome, Italy. I love good music; it's everywhere. I love books and I love listening to heartbeat. Ultimately, I'm just an Invisible Monster; a cloud of sense with shaded boundaries.

~click for links~

Ragazzuoli - non è sindrome premestruale! - da oggi il mio tumblr finisce.

E’ stato piacevole condividere i bei momenti che ci sono capitati e ringrazio tutti coloro che hanno iniziato a leggermi - davvero - tanto tempo fa e poi non hanno più smesso. Coraggiosi, affettuosi, pazienti e clementi. Io non smetterò di leggere quelle persone che sono riuscite a lasciarmi tanto con una semplice pagina web. Vi ringrazio per l’affetto continuo, gli abbracci e le parole di incoraggiamento. Vi lascio, nella speranza di essere riuscita a darvi almeno un po’ di quel che voi avete sorprendentemente offerto a me. Buona vita a tutti!

Feels everywhere.

18 notes

E’ solo una falsa prospettiva, quella che ti propongono gli altri.

Innamorati di te stesso
Perché un giorno sarai l’unica persona che avrai.

14 notes

kittenmeats:

"Trans-Europ-Express" (1967) - Alain Robbe-Grillet

kittenmeats:

"Trans-Europ-Express" (1967) - Alain Robbe-Grillet

Avevo creduto di aver conquistato delle certezze, ma l’attimo dopo non avevo più la terra sotto i piedi.

Mi succede spesso ormai, faccio la lista delle cose che ho ottenuto negli ultimi due mesi e il mese successivo è tutto svanito. Per non farmi mancare nulla, inizio a compatirmi, disperarmi, intristirmi. Tornano i vecchi demoni: sei vuota, arida, sola, incapace di sostenere la vita, fuori luogo, inutile, scalfita nella paura, senza alcun coraggio, senza bellezza, senza valore, senza forza di volontà e impegno. Provo a concentrarmi in qualcosa e non riesco, mi costringo a creare un nuovo corpo e non ci riesco. Mi dedico agli altri e, cercando stupidamente affetto, trovo il vuoto. E mi chiudo in me stessa, tra le pareti di una camera che diventa sempre più stretta. Circondata da libri che non apro più da un po’, fogli e parole senza consistenza. Non ci si sbarazza mai di se stessi. Non riesco mai ad amare le mie imperfezioni. E cerco con ossessione di rimanere chiusa nella mia mente. E mi racconto che nessuno mi capisce, che sarò sempre sola perché ho quei difetti che non possono essere accettati. E sono troppo impegnativa per trovare chi mi possa dare retta. Perché ho ventitré anni e non è questa l’età per continuare a sentire questi demoni. E quindi è tardi. Per ogni minima cosa.

Devo risolvere tutto da sola perché di queste cose non se ne può prendere carico qualcuno al di fuori di noi stessi. Ed è vero che non siamo fatti per stare da soli, ma l’amore può soltanto venire da noi e da me esce solo odio. Ed è così profondo, delle volte, che pare non esista altro intorno. Il filo conduttore di questo discorso - che probabilmente non c’è davvero - è che non ho pace, non so dove cercarla e so di non poterla ottenere. E speravo di non sentire l’esigenza di dover scrivere cose come queste. Ma sono in un incubo. E oggi pomeriggio ne esco. E’ solo un istante di debolezza. Pretendo che rimanga tale.

Il destino è nel carattere.

21 notes

"You are beautiful because you let yourself feel, and that is a brave thing indeed."
Shinji Moon  (via luna-lum)

74,976 notes

englishsnow:

 kristina micova

"I am afraid. I’m afraid of everything. I’m afraid of the dark, of closed-in spaces, of being alone and of getting too close. I’m afraid that I’ll never again have the life I’ve always known, my feet in the dust and my heart full. I’m afraid of being alive; I’m afraid to die."
Friday Brown (Vikki Wakefield)

2,880 notes

"Ma io, per esempio, come riuscirò a raggiungere la tranquillità? Dove stanno, per me, le cause primarie per le quali ardere, dove stanno le ragioni? Dove le trovo?"
 Memorie dal sottosuolo, Fëdor Dostoevskij (via egocentricacomeigatti)

203 notes